25 novembre Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne

Il 25 novembre si celebra la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. Una giornata per dire no, tante le iniziative, come la campagna creata da United Colors of Benetton a sostegno di Un Women. Tutti uniti contro, anche uomini è l'invito del Segretario Generale Ban Ki-Moon per gli Orange Days. L'arancio è il colore simbolo scelto dall'ONU per un futuro senza violenza.


"La violenza contro le donne e le ragazze continua con la stessa intensità in ogni continente, Paese e cultura. Questa impone un devastante dazio sulla vita delle donne, sulle loro famiglie e sull'intera società. La maggior parte delle società proibiscono questo genere di violenza - in realtà questa è ancora troppo spesso coperta o tacitamente condonata."
(Ban Ki-Moon, Segretario Generale delle Nazioni Unite, 8 marzo 2007).

25 novembre Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne
In occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne che cade il 25 novembre, il Segretario Generale dell'ONU, Ban Ki-Moon, lancia "Orange YOUR Neighbourhood", invitando tutti a scendere in strada per promuovere la campagna per la fine della violenza contro le donne.
Orange YOUR Neighbourhood orange days 25 novembre giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne

Ban Ki-Moon: "Tutti uniti contro, anche uomini"

ban ki moon segretario generale delle nazioni unite
Contro la violenza sulle donne tutti, e anche agli uomini, devono fare la propria parte: serve un "cambio di mentalità" perché "i diritti delle donne non sono solo un affare delle donne. Uomini e ragazzi stanno finalmente assumendo il loro ruolo di partner in questa battaglia" ha detto il segretario generale dell'Onu Ban Ki-Moon.
L'iniziativa durerà 16 giorni, dal 25 novembre al 10 dicembre.
palazzo di vetro onu empire state building illuminati colore arancio 24 novembre 25 giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne

Il colore arancio

Il colore arancio sarà il filo conduttore che unirà attività in tutto il mondo a sostegno dell'iniziativa che è partita da New York con l'Empire State Building e il Palazzo di Vetro illuminati di arancio. Un colore simbolo per un futuro migliore, senza violenza, per tutte le donne del mondo.
A partire dal 25 novembre la Fondazione UNHATE, cuore dell'impegno sociale di Benetton Group, aprirà la propria piattaforma digitale unhatenews.com (risultato di una collaborazione con UNDPI - United Nations Department of Public Information) ai contributi di giovani di tutto il mondo tra i 18 e i 30 anni, che potranno quindi proporre notizie che vorrebbero diventassero realtà su temi di attualità per la società contemporanea globale e prioritari rispetto all'agenda delle Nazioni Unite (cosiddetta "MDGs and post-2015 Development Agenda"), tra i quali: lo sviluppo e l'ambiente, la lotta al terrorismo e la costruzione della democrazia, e i diritti umani, con un focus sui diritti delle donne.
Tra le 100 notizie più cliccate, dieci saranno scelte da UNHATE Foundation coerentemente con la mission della Fondazione e trasformate, in collaborazione con UNDPI, in progetti sostenibili, da realizzare concretamente nel 2015.
Già nel 2014, la collaborazione di Benetton Group e della Fondazione UNHATE con UN Women ha già registrato un risultato concreto con il progetto Safe Cities Free of Violence against Women avviato nella città di Kigali, in Ruanda, che si inserisce in un programma globale dell'ONU per la lotta alla violenza sulle giovani donne (in cinque città nel mondo) con un approccio artistico e creativo, per questo la collaborazione continuerà nel 2015.

Perché questa Giornata Internazionale

  • La violenza contro le donne è una violazione dei diritti umani.
  • La violenza contro le donne continua ad essere una pandemia globale.

Fatti e cifre

Una donna su tre ha subito violenze fisiche o sessuali e per la maggior parte dei casi per mano del partner o di una persona di casa; 120 milioni di bambine o ragazze minorenni sono state costrette ad atti sessuali, mentre 133 milioni di bambine e ragazze sono vittime di mutilazione genitale. Picchiate in casa, molestate in strada, vittime di bullismo sul web...
 Phumzile Mlambo-Ngcuka direttrice esecutiva UN Women"Il momento di agire è ora" ha detto la direttrice esecutiva di UN Women Phumzile Mlambo-Ngcuka, ex vice-presidente del Sudafrica, convinta che la violenza contro le donne può e deve finire affrontandone le cause di fondo: l'ineguaglianza di genere.
Secondo uno studio della World Health Organization effettuato nel 2013, circa il 35% delle donne e delle ragazze ha subito violenza fisica o sessuale e circa il 30% avviene fra le mura domestiche per mano del proprio partner.
Il 2013 è stato un anno terribile per il numero elevato di femminicidi: solo in Italia sono state 179 le donne assassinate.
Nel resto del mondo è il Sud-Est asiatico il paese dove le donne sono più a rischio: il 58,8% degli omicidi è avvenuto per mano di mariti, compagni o fidanzati, seguono i paesi ad alto reddito (il 41,2%) fra cui c'è anche l'Italia, il 40,5% delle Americhe e il 40,1% dell'Africa.

Perché il 25 novembre

Il 17 dicembre 1999, l'Assemblea delle Nazione Unite ha designato il 25 novembre come la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.
L'ONU ha ufficializzato la data scelta da alcune donne attiviste del "gruppo femministe latino-americano e del Caraibi" in una riunione tenutasi nel 1981 a Bogotà (Columbia): la data fu scelta per ricordare il brutale assassinio delle tre sorelle Mirabal, avvenuto il 25 novembre del 1960 e per mantenere viva la memoria del loro impegno nel contrastare il regime autoritario del dittatore Rafael Leonida Truillo, che tenne la Repubblica Dominicana nell'arretratezza e nel caos per oltre trenta anni (1930-1961).
sorelle Mirabal Maria Argentina Minerva Antonia Maria Teresa Patria Mercedes assassinate il 25 novembre 1960

Le tre sorelle Mirabal

Mentre si recavano a far visita ai loro mariti in prigione, le tre sorelle furono bloccare sulla strada dagli agenti del servizio militare e condotte in un luogo nascosto. Furono torturate, massacrate di botte, strangolate, messe nella loro auto e gettate in un precipizio, simulando in questo modo un incidente. L'assassinio delle sorelle Mirabal è ricordato come uno dei più efferati crimini della storia domenicana.
campagna United Colors of Benetton 25 novembre, Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne a supporto di UN Women
Una donna "lapidata"con petali di fiore da un gruppo di uomini: questa è l'immagine provocatoria e spiazzante, simbolo della nuova campagna United Colors of Benetton, realizzata in occasione del 25 novembre, Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, a supporto di UN Women (l'agenzia delle Nazioni Unite per promuovere l'eguaglianza tra i sessi e l'emancipazione femminile).

Il video in supporto di UN Women - End Violence Against Women Now

United Colors of Benetton in support of UN Women - End Violence Against Women Now - Full version
La campagna è nata per sensibilizzare l'opinione mondiale sulla necessità di interventi a sostegno delle donne e di programmi di prevenzione per creare una cultura fondata sul rispetto della differenza, sul riconoscimento e sulle reali pari opportunità.
Attraverso l'immagine pubblicata dalla stampa internazionale, sui social e con video on line, United Colors of Benetton e UN Women scelgono di ribaltare il vecchio cliché "neanche con un fiore" e dicono basta, con decisione e un po' di poesia, ad ogni forma di discriminazione e sopruso; vogliono ricordare al mondo che le donne non debbono più pagare con sofferenze, disagi e con la loro stessa vita, la scelta di essere se stesse e non quello che i loro uomini, mariti, fidanzati, compagni, la società o la religione vorrebbero che fossero.
Il direttore esecutivo di UN Women, Phumzile Mlambo-Ngcuka, ha dichiarato:
"Sappiamo che la pandemia di violenza che colpisce una donna e una ragazza su tre può essere fermata. Ma non possiamo farlo da soli. Abbiamo bisogno di partner che ci aiutino a sensibilizzare e promuovere una cultura della tolleranza zero nei confronti di questa pervasiva violazione dei diritti umani. Benetton è un partner. La sua campagna, lanciata in occasione della Giornata internazionale per porre fine alla violenza contro le donne (Day to End Violence against Women) sostiene i nostri sforzi globali. Apprezziamo questo impegno per la causa".
25 novembre giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne orange days Orange your neighbourhood insegna a tuo figlio a rispettare le donneÈ assolutamente necessario ed urgente riflettere, agire e schierarci insieme, uomini e donne, contro ogni sopruso e violenza, così come lo ricorda lo scrittore Elie Wiesel, Premio Nobel per la pace: "La neutralità favorisce l'oppressore, mai la vittima. Il silenzio aiuta il carnefice, mai il torturato",
Lascia un commento e condividi con noi le tue opinioni in merito, saranno molto gradite.
Visita la nostra Home, troverai tanti argomenti interessanti; vieni a trovarci anche su Facebook, Telegram, Pinterest e Instagram, grazie.

Ti aspettiamo!

❤❤❤ Grazie per la lettura ❤❤❤

Commenti sull'articolo
Lascia il tuo commento

Iscriviti alla newsletter

Seguici su Telegram: