Andrea Camilleri, il Maestro, papà del commissario Montalbano, è morto.

L'Italia e tutto il mondo letterario piange uno dei suoi più grandi autori contemporanei. Il grande scrittore siciliano, autore anche della famosa serie di romanzi de Il commissario Montalbano, è morto all'età di 93 anni.

Una triste notizia per la Sicilia e l'Italia che lo ha tanto amato: il grande scrittore siciliano si è spento oggi, 17 luglio 2019 alle ore 8 e 20, a Roma nell'ospedale Santo Spirito, all'età di 93 anni.
Il Maestro era stato ricoverato in ospedale lo scorso mese, dopo un arresto cardiaco. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi.

Andrea Camilleri scrittoreAndrea Camilleri era più di uno scrittore

Il Maestro, uno dei maggiori interpreti della letteratura italiana del Novecento, aveva inventato uno stile, il giallo italiano: il romanzo poliziesco raccontato in una lingua che è un misto d'italiano e vigatese, vernacolo di Vigata, la leggendaria cittadina siciliana in cui è ambientata la storia del Commissario Montalbano. È proprio questa lingua inventata la particolarità di alcuni suoi romanzi, un linguaggio tutto suo, ben studiato che gli costò molta fatica.
Ironico, raffinato, mai banale, uno stile unico quello del Maestro Camilleri.
Camilleri e il suo commissario Montalbano hanno cambiato la mentalità della gente sulla Sicilia. Insieme, per un periodo di 25 anni, hanno trasformato un cupo paesaggio di mafiosi e violenze in un paradiso fatto d'immagini di una terra meravigliosa, con uno stile ironico e raffinato, concentrato anche sulla bontà del cibo siciliano, vissuto tra le vie e il mare di una città immaginaria chiamata Vigàta.

Chi era Andrea Camilleri

Classe 1925, il Maestro era nato il 6 settembre a Porto Empedocle, provincia di Agrigento.
Il suo nome intero è Andrea Calogero Camilleri, figlio unico di Giuseppe, ispettore delle compagnie portuali e di Carmelina Fragapane.

Dopo una breve esperienza in un collegio vescovile (fu espulso perché lanciò delle uova contro un crocefisso), studia al Liceo Classico "Empedocle" di Agrigento, dove nel 1943 otterrà la maturità senza fare esami, poiché, a causa dei bombardamenti e in previsione dell'imminente sbarco in Sicilia delle forze alleate, le autorità scolastiche decisero di chiudere le scuole e di considerare valido il secondo scrutinio trimestrale.
Nel 1942 inizia a lavorare come regista teatrale; Nel 1944 si iscrive alla facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Palermo, ma non consegue la laurea.
Nel 1949 è ammesso, unico allievo regista per quell'anno, all'Accademia nazionale d'arte drammatica, dove finisce gli studi nel 1952, contemporaneamente ad allievi attori che diverranno celebri, come Luigi Vannucchi, Franco Graziosi e Alessandro Sperlì, con i quali stringe amicizia; da allora esegue la regia di più di cento opere, soprattutto di drammi di Pirandello. Tra il 1945 e il 1950 pubblica racconti e poesie, vincendo anche il Premio Saint Vincent. Alcune sue poesie sono pubblicate in un'antologia curata da Giuseppe Ungaretti.
Scrive i suoi primi racconti per riviste e per quotidiani come L'Italia socialista e L'Ora di Palermo.
(da Wikipedia).

Andrea Camilleri è stato uno scrittore, sceneggiatore, regista, drammaturgo e insegnante italiano. Ha insegnato regia all'Accademia nazionale d'arte drammatica; nel 1954 vinse un concorso per funzionari Rai, dove entrò tre anni dopo, continuando a lavorare nel mondo della produzione.
La carriera di scrittore arriva invece più tardi, nel 1978 con "Il corso delle cose", il suo esordio letterario.
A oggi, il grande Maestro Camilleri è stato tradotto in almeno 120 lingue, vendendo oltre dieci milioni di copie.
Nonostante la malattia che lo aveva reso quasi cieco, Camilleri non smise mai di fare quello per cui era nato, scrivere e lo faceva grazie alla sua fedele assistente, Valentina Alferj, che conosceva i segreti e la lingua del grande Maestro:
-"Com'è cambiata la tua vita da quando non vedi più?"
«Pensavo di non poter più scrivere. Come fa un cieco a scrivere? Avrei potuto dettare, ma l'avrei dovuto fare in una lingua che non è esattamente la mia, cioè l'italiano. E non avrei più potuto scrivere i miei bei Montalbano in vigatese. Fortunatamente è intervenuta Valentina Alferj. I sedici anni vissuti accanto a me hanno fatto sì che potesse aiutarmi. Negli ultimi tempi, padroneggiando perfettamente la mia lingua, Valentina era in grado di correggere le bozze per conto mio e dunque al momento cruciale è stata la mia ancora di salvezza.»
Da L'Espresso

Luca Zingaretti Commissario Montalbano Andrea CamilleriIl commissario Montalbano di Andrea Camilleri

Difficile dissociare il lavoro dell'autore dal suo personaggio più celebre, il Commissario Montalbano (il cognome è un omaggio al catalano Manuel Vazquez Montalban che di Camilleri fu grande amico).
La carriera di Montalbano doveva terminare con il secondo romanzo, "Il cane di terracotta". Per nostra fortuna così non è stato: l'ultimo romanzo, "Il cuoco dell'Alcyon", uno dei suoi gialli più complessi, è uscito lo scorso 30 maggio, andando subito in testa alle classifiche.
Nell'articolo 20 anni del Commissario Montalbano in TV, troverete tutti gli altri titoli della serie.
La serie TV adattata dalla Rai, amatissima in Italia, è diventata popolare anche nel Regno Unito, in Francia, Spagna, Germania, negli Stati Uniti e in Australia.

Le altre opere di Andrea Camilleri

  • Il corso delle cose (1978)
  • Un filo di fumo (1980)
  • La strage dimenticata (1984)
  • La stagione della caccia (1992)
  • La bolla di componenda (1993)
  • Il birraio di Preston (1995)
  • Il gioco della mosca (1995)
  • La concessione del telefono (1998)
  • La mossa del cavallo (1999)
  • La scomparsa di Patò (2000)
  • Biografia del figlio cambiato (2000)
  • Favole del tramonto (2000)
  • Racconti quotidiani (2001)
  • Gocce di Sicilia (2001)
  • Il re di Girgenti (2001)
  • Le parole raccontate, Piccolo dizionario dei termini teatrali (2001)
  • L'ombrello di Noé, Memorie e conversazioni sul teatro (2002)
  • La linea della palma. Saverio Lodato fa raccontare Andrea Camilleri (2002)
  • Le inchieste del commissario Collura (2002)
  • La presa di Macallé (2003)
  • Teatro con Giuseppe Dipasquale (2003)
  • Romanzi storici e civili (2004)
  • Privo di titolo (2005)
  • Il medaglione (2005)
  • Il diavolo Tentatore. Innamorato (con Jacques Cazotte) (2005)
  • Troppi equivoci in ‘Crimini' (2005)
  • La pensione Eva (2006)
  • Vi racconto Montalbano. Interviste (2006)
  • Pagine scelte di Luigi Pirandello (2007)
  • Il colore del sole (2007)
  • Le pecore e il pastore (2007)
  • La novella di Antonello da Palermo (2007)
  • Voi non sapete. Gli amici, i nemici, la mafia, il mondo nei pizzini di Bernardo Provenzano (2007)
  • Maruzza Musumeci (2007)
  • L'occhio e la memoria: Porto Empedocle 1950 (con Italo Insolera) (2007)
  • Il tailleur grigio (2008)
  • Il casellante (2008)
  • La Vucciria (2008)
  • La muerte de Amalia Sacerdote (2008)
  • La tripla vita di Michele Sparacino (2008)
  • Un sabato con gli amici (2009)
  • Il sonaglio (2009)
  • L'uomo è forte in ‘Articolo 1. Racconti sul lavoro' (2009)
  • Il cielo rubato. Dossier Renoir (2009)
  • La rizzagliata (2009)
  • Un inverno italiano. Cronache con rabbia 2008-2009 (con Saverio Lodato) (2009)
  • Un onorevole siciliano. Le interpellanze parlamentari di Leonardo Sciascia (2009)
  • Troppu trafficu ppi nenti (con Giuseppe Dipasquale) (2009)
  • Il nipote del Negus (2010)
  • L'intermittenza (2010)
  • Di testa nostra. Cronache con rabbia 2009-2010 (con Saverio Lodato) (2010)
  • La moneta di Akragas (2010)
  • Gran Circo Taddei e altre storie di Vigàta (2011)
  • La setta degli angeli (2011)
  • La targa (2011)
  • I fantasmi (2011)
  • Il giudice Surra in ‘Giudici' (2011)
  • Il diavolo, certamente (2012)
  • La Regina di Pomerania e altre storie di Vigàta (2012)
  • Dentro il labirinto (2012)
  • Il tuttomio (2013)
  • La rivoluzione della luna (2013)
  • Come la penso (Alcune cose che ho dentro la testa) (2013)
  • Magaria (2013)
  • La banda Sacco (2013)
  • I racconti di Nené (2013)
  • La creatura del desiderio (2013)
  • Inseguendo un'ombra (2014)
  • Donne (2014)
  • La relazione (2014)
  • Il quadro delle meraviglie. Scritti per teatro, radio, musica, cinema (2015)
  • Le vichinghe volanti e altre storie d'amore a Vigàta (2015)
  • La targa (2015)
  • Certi momenti (2015)
  • Noli me tangere (2016)
  • Pinocchio (mal) visto dal Gatto e la Volpe (con Ugo Gregoretti) (2016)
  • La cappella di famiglia e altre storie di Vigàta (2016)
  • Esercizi di memoria (2017)

Andrea Camilleri scrittoreVita privata di Andrea Camilleri

Nel 1947 sposò Rosetta Dello Siesto, matrimonio felice e duraturo da cui nacquero tre figlie. Il Maestro ebbe ben quattro nipoti.
"Se potessi, vorrei finire la mia carriera seduto in una piazza a raccontare storie e alla fine del mio cunto passare tra il pubblico con la coppola in mano".
Andrea Camilleri

Grazie Maestro, per le sue opere, per quello che ci ha regalato in tutti questi anni. Mi piace pensarla dietro la scrivania del suo studio, con i volumi finemente rilegati e, dopo aver schiarito la sua voce roca, iniziare a raccontarci un'altra storia...
Maestro Andrea Camilleri studio libriArrivederci Maestro, buon viaggio. Ci mancherai. Riposa in pace... ❤
Lascia un commento e condividi con noi un tuo pensiero in merito, grazie.
Visita la nostra Home, troverai tanti argomenti interessanti; vieni a trovarci anche su Facebook, Telegram, Pinterest e Instagram, grazie.
Ti aspettiamo!
❤❤❤ Grazie per la lettura ❤❤❤

Commenti sull'articolo
Lascia il tuo commento

Iscriviti alla newsletter

Seguici su Telegram: