5 consigli utili per il bucato del bambino

Come lavare i vestiti del neonato con i consigli per un bucato ecologico e igienizzato, usando detersivi e ammorbidente naturali.

5 consigli utili per il bucato del bambino bucato bimbi bambina fazzoletto bandana bianca capelli biondi abito cotone braccia bolle di sapone bimbo bambino cesta vimini capelli rossi sorriso abiti stesi magliette fili bacinella alluminio schiuma I figli sono sempre una gioia, almeno fino a quando non cominciano a rotolarsi per terra, insudiciandosi e portando a casa fango, terra e polvere.
Ed è in quel momento che i genitori devono dimostrare tutta l'attenzione del caso, soprattutto quando si tratta di lavare gli indumenti che il bambino è riuscito a sporcare oltre ogni immaginazione: si tratta di un'operazione che non solo si rivela complicata, ma anche fondamentale per mantenere i tessuti morbidi e per evitare che il bambino possa soffrire di irritazioni alla cute.
Soprattutto se è già stato vittima di dermatiti o se soffre di particolari allergie.
Per questo motivo, vediamo insieme 5 consigli utili per fare il bucato del bambino.

Detersivi o sapone di Marsiglia?

5 consigli utili per il bucato del bambino sapone marsiglia grattugia ciotola scaglie detersivo naturalePer evitare che la pelle del bambino possa soffrire l'irrigidimento dei tessuti, il consiglio è di utilizzare il sapone di Marsiglia per fare il suo bucato: si tratta di un detersivo particolarmente delicato e, dunque, indicatissimo per lavare l'abbigliamento del pargolo.
Come utilizzarlo? Basterà grattugiarne un po' e versarlo al posto del comune detersivo.
Il consiglio, inoltre, è di aggiungere un po' di bicarbonato e sale, così da igienizzare i vestiti e combattere le macchie più resistenti.

Eliminare le macchie in modo sano

5 consigli utili per il bucato del bambino mamma donna capelli castani lisci camicia jeans lavatrice bucato bambini bimbo capelli viondi canotta bianca maglietta lilla giallo cesta biancheria lavanderiaI bambini tendono spesso a ridurre i vestiti un insieme di macchie dai colori e dalla natura molto diversi. E quasi sempre l'operazione di pulizia normale si rivela del tutto inefficace.
In questo caso, il consiglio è innanzitutto quello di pre-trattare la macchia con il sapone di Marsiglia, e di mettere il vestito in lavatrice solo successivamente, utilizzando il percarbonato in polvere che, già di suo, è presente in molti detersivi per bambini.

Come ammorbidire i vestiti

5 consigli utili per il bucato del bambino binacheria stesa al sole fili gialli pinze colorate plastica tutina body strisce rosa bianche calzini bianchi abitino fiori rosa volant cuffietta cappellino alberi prato L'ammorbidente, come già accennato, contiene degli additivi chimici molto pericolosi per la pelle delicata del bambino: occorre dunque trovare una soluzione che garantisca lo stesso risultato, ma senza effetti collaterali.
L'acido citrico è una soluzione molto efficace, essendo un prodotto presente in natura.
In alternativa, potreste considerare l'opzione di usare l'esterquat: una molecola ammorbidente contenuta negli ammorbidenti ecologici.

Acquistare una nuova lavatrice

Spesso i vestiti non vengono lavati a causa della lavatrice.
Se vi accorgete che funziona male, il consiglio è di acquistarne una nuova di classe A+++, così da fare un favore anche all'ambiente, risparmiando tanti soldi in bolletta: sul web, poi, su sono presenti tante lavatrici in offerta di qualità e poco costose.
In alternativa, controllate e pulite il filtro: potreste cavarvela con poco ed evitare la spesa per una lavatrice nuova.

Igienizzare la lavatrice

5 consigli utili per il bucato del bambino mamma donna maglietta rosa capelli biondi lisci sorriso denti bianchi bimbo figlio bambino lavatrice lavanderia biancheria bucato L'ultimo consiglio è quello di igienizzare la lavatrice, facendo un lavaggio a vuoto a circa 95 gradi, ed evitando di utilizzare i prodotti appositi: i disincrostanti, infatti, potrebbero danneggiare l'elettrodomestico.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su:

Commenti sull'articolo
Lascia il tuo commento

Iscriviti alla newsletter