Come affrontare la caduta dei capelli dopo il parto?

Il temibile Defluvium post partum, noto anche come “alopecia post-gravidica” è un fenomeno che porta alcune donne a perdere i capelli dopo la gravidanza. Ecco una lista di alcuni rimedi naturali e consigli efficaci per non farsi perdere d'animo.

Tratto dal diario di una mamma.
Intorno al giorno 60 (più o meno a due mesi dopo aver partorito, o per lo meno è il mio caso) potrebbe avvenire uno dei più temibili e odiatissimi fenomeni post-parto: la caduta dei capelli.
Care amiche ovviamente ve ne parlo, perché ahimè l'ho dovuto purtroppo appuntare sul mio di diario: manti di capelli venir via mentre ci si pettina, scalpi per terra, neanche fossimo l'ultimo dei Mohicani, gomitoli sulle spalle e talvolta anche sulla bambina (no, non esagero).
Ve lo devo proprio dire, non è stato piacevole, anzi spaventoso!
Per di più, correre in cerca di aiuto e consigli dalla parrucchiera e sentirsi dire "Giulia ma non ti ho mai visto così!" è stato ancora peggio. Come affrontare la caduta dei capelli dopo il parto? donna spazzola Defluvium post partum consigli e rimediD'altronde però siamo mamme e donne, siamo state costruite geneticamente per essere forti e reagire ad ogni situazione, e quindi mi sono detta "Bando alle ciance e corriamo ai ripari!".
Innanzitutto bisogna assolutamente rendersi conto che è un fenomeno molto normale, è definito Defluvium post partum (il latino forse può rassicurare).
In gravidanza i capelli diventano più forti a causa del livello di estrogeni che immancabilmente dopo il parto venendo a mancare ne causano la perdita.
Va anche detto che questo fenomeno colpisce il 50% delle donne, per cui potreste essere nella metà fortunata.
Nel caso invece foste, come me, nella metà sbagliata, ecco alcuni consigli e rimedi pratici e naturali:

Usare cosmetici delicati e shampoo non aggressivi. Io ho utilizzato una linea apposita anti caduta consigliata dalla mia parrucchiera comprensiva anche di fialette da applicare direttamente sulla cute.
Lasciate anche passare qualche giorno tra un lavaggio e l'altro dei capelli per evitare di stressarli troppo. Non legare troppo i capelli e tagliarli o spuntarli spesso. Era mia abitudine, anche perché mi trovavo al mare in quel periodo, tirare indietro spesso i capelli con elastici o usare cerchietti o fasce. Meglio non farlo per evitare di indebolirli.

  • Impacchi con oli essenziali: olio di mandorle, olio di jojoba, calendula e chi più ne ha più ne metta.
  • Dieta: fondamentale introdurre alimenti e cibi che supportino e aiutino i capelli a rinforzarsi.
    Frutta e verdura per il loro apporto di vitamina A, pesce e legumi per il loro alto contenuto di proteine, semi di lino, cereali ricchi di vitamina B.
    Sarebbe buona abitudine al mattino di prendere un cucchiaio di lievito di birra in un bicchiere d'acqua, questo perché contiene biotina che produce cheratina.
    È consigliato anche lo zenzero che stimola la circolazione del cuoio capelluto e contrasta la caduta.
  • Integratori: a base di miglio ricco di vitamina A e B e magnesio, di solito associati anche per rinforzare le unghie.
  • Pazienza e Tempo: i due più importanti guerrieri cui far fede.

Come affrontare la caduta dei capelli dopo il parto? Defluvium post partum donna perdita pettineOvviamente in casi estremi è sempre utile affidarsi a mani esperte, come quelle di un dermatologo.
Dal canto mio, posso dirvi che seguendo questi piccoli consigli, oggi, con molta soddisfazione, posso riportare sul mio diario che la mia chioma è molto più folta, i capelli sono ricresciuti e sono più resistenti e forti.
Non esitate a inviare i vostri commenti ed esperienze!
Visitate la nostra Home e venite a trovarci anche su Telegram, Pinterest, Facebook e Google+. Vi aspettiamo!

Commenti sull'articolo
Lascia il tuo commento

Iscriviti alla newsletter

Seguici su Telegram: