Risarcimento danni aereo in ritardo: quando è possibile e quali sono tutti i tuoi diritti?

Come chiedere un risarcimento danni per aereo in ritardo, come essere sicuri di ottenerlo e quali sono tutti i tuoi diritti come passeggero? Scopriamolo insieme.

Un ritardo aereo, chi viaggia spesso lo sa, può caratterizzare una vera e propria seccatura e talvolta comportare danni organizzativi ma anche economici notevoli per i passeggeri che hanno prenotato transfer, hotel (pagati in anticipo) o preso importanti appuntamenti.
Perché si sa, non si viaggia solo per divertirsi.
Risarcimento danni aereo in ritardo: quando è possibile e quali sono tutti i tuoi diritti?Per questo, una normativa europea (CE 261) e una convenzione internazionale (di Montreal) stabiliscono dei parametri per chiedere un risarcimento danni in caso di ritardo aereo.

Risarcimento danni aereo in ritardo: chi ne è titolare e quando?

Secondo la normativa Europea, chiunque subisca un ritardo superiore alle tre ore
ha diritto non solo ad un rimborso ma anche ad un risarcimento danni economico che va da 250 euro a 600 euro a seconda della lunghezza della tratta da percorrere.

Nel caso, ad esempio, di viaggi intercontinentali superiori a 3500 km è possibile reclamare non solo il rimborso della tratta completa ma anche un risarcimento di 600 euro. Tale diritto a chiedere un risarcimento danni aereo subentra anche quando il ritardo viene accumulato durante gli scali.
Se invece il ritardo di tre ore riguarda tratte inferiori a 3500 km il diritto risarcitorio permane ma diminuisce a 400 o 200 euro.
Come leggiamo su Airhelp il risarcimento danni aereo per volo cancellato è un diritto che varia a seconda della nazionalità del vettore, del passeggero e dell'aeroporto di partenza.
Ad esempio negli USA non esiste una normativa che tuteli i passeggeri dei voli interni e il solo riferimento è la Convenzione di Montreal.
Invece in Europa ci sono molti altri casi in cui un passeggero danneggiato ha diritto ad un risarcimento danni e adesso li elencheremo brevemente.

Risarcimento danni volo cancellato

Anche i passeggeri che subiscono una cancellazione hanno diritto ad un rimborso e anche a un riposizionamento su un volo alternativo. Anche qui, è bene tenere a mente (e perché no, fotografare sul tabellone) gli orari di partenza e arrivo del nuovo volo perché se il volo del riposizionamento arriva con tre ore di ritardo o oltre, subentra anche il diritto di richiedere un risarcimento con i parametri su citati.

Ovviamente, anche se il nostro volo viene cancellato, possiamo chiedere un risarcimento da 200 a 600 euro a seconda della lunghezza della tratta e indipendentemente dal costo del biglietto acquistato.
Tuttavia bisogna considerare che il risarcimento danni per aereo cancellato o in ritardo non subentra se le cause sono relative alla sicurezza, come in caso di attentato o rischio attentano o altre emergenze come quella sanitaria o climatica.
Anche se la cancellazione avviene con un preavviso di almeno 14 giorni tramite canali ufficiali della compagnia, il passeggero non ha diritto al rimborso del volo né al risarcimento.

Risarcimento danni se il bagaglio viene smarrito

Se la compagnia danneggia il bagaglio di un passeggero quando il bagaglio è sul nastro o quando è in sua custodia e non nelle mani del proprietario, la compagnia ha l'onere di sostituirlo o risarcire dell'eventuale contenuto danneggiato.

Se invece il bagaglio viene smarrito, è anche qui possibile chiedere un risarcimento danni, previa documentazione del contenuto.
Forse in questo caso la normativa ha delle lacune considerando che, ammesso e non concesso che si possa dimostrare il contenuto di un bagaglio, è più difficile documentarne il valore economico.

Ma come si ottiene un risarcimento danni, aereo in ritardo o cancellato che sia?
Per procedere alla richiesta di risarcimenti cui si ha diritto, è necessario prima di tutto conoscere al meglio possibile in che cosa consiste il problema, ed è possibile avere tutte le informazioni chiedendole alla compagnia che ha il dovere di dare tutte le informazioni del caso.
Risarcimento danni aereo in ritardo: quando è possibile e quali sono tutti i tuoi diritti?Per procedere ad una richiesta di risarcimento, rivolgersi ad AirHelp sia tramite il sito che la App è una soluzione veloce e pratica, ma è importante conservare titoli di viaggio, carte di imbarco e anche scontrini, perché anche gli acquisti di cibo e bevande fatte in aeroporto durante le attese causate da ritardi o riposizionamenti possono essere rimborsati.
Sempre la App di AirHelp, che ogni anno aiuta centinaia di passeggeri ad avere i giusti risarcimenti previsti dalla legge, può aiutarti non solo a sapere esattamente a che cosa hai diritto ma anche procedere nei confronti della compagnia con facilità e senza anticipare un euro per le spese legali.

Commenti sull'articolo
Lascia il tuo commento

Iscriviti alla newsletter

Seguici su Telegram: