Equinozio di primavera 2020, cosa c'è da sapere e perché cade il 20 marzo e non il 21

Questo venerdì 20 marzo ci lasceremo alle spalle l'inverno. La primavera quest'anno, infatti, cade il 20 marzo e non il 21. Con l'equinozio di primavera si dà ufficialmente il via alla bella stagione nell'emisfero boreale.

Quest'anno, il 2020, la primavera è iniziata il 20 marzo: esattamente alle ore 4:49, ora italiana.

Anche se è primavera #iorestoacasa

Quest'anno sarà una primavera anomala, perché, a causa del coronavirus, dobbiamo stare a casa e purtroppo non sarà possibile trarne pieno vantaggio.
Se teniamo duro, però, restando a casa e rispettando tutto quello che ci viene chiesto, ne usciremo presto.

Possiamo comunque toglierci qualche curiosità, come capire il perché l'equinozio di primavera (la data in cui giorno e notte hanno la stessa durata) arriva il 20 e non il 21.
è primavera rondini cielo foglie albero sole

Primo giorno di primavera

Nel nostro emisfero, quello boreale, la primavera 2020 è iniziata venerdì 20 marzo, attraverso il fenomeno astronomico dell'equinozio che ci ha portato nella nuova stagione.

Qual è la definizione dell'equinozio di primavera

La parola equinozio deriva dal latino "æquinoctium" (derivato a sua volta dalla locuzione aequa nox, cioè «notte uguale [per durata al dì]» da Wikipedia), perché il fenomeno più visibile per l'uomo è che la durata del giorno diventa identica a quella della notte.
La ragione di questo fenomeno?
equinozio primavera terra sole stagioni
L'equinozio corrisponde al periodo dell'anno in cui il Sole attraversa il piano equatoriale della terra.

Il sole è quindi allo zenit dell'equatore, che consente al giorno e alla notte di condividere l'ora in parti uguali. E questo nei due emisferi, sud e nord.
Nel nostro emisfero i giorni si allungano e siamo a metà strada tra i brevi giorni di dicembre e quelli più lunghi di giugno.
Durante l'equinozio, quindi, l'asse di rotazione della Terra si trova perpendicolare alla direzione dei raggi solari e quindi in ogni punto del pianeta dove il Sole supera l'orizzonte la durata diurna è uguale a quella notturna .

Nell'emisfero australe, invece, la primavera inizia il 23 settembre fino al 21 dicembre, in corrispondenza dell'autunno boreale.
In senso meteorologico, nell'emisfero boreale la primavera va dal 1 marzo al 31 maggio; in quello australe dal 1 settembre al 30 novembre.

Perché il 21 marzo non è sempre primavera

Ci sono due ragioni per questo, ma tutto è legato all'astronomia.

  1. La prima ragione è che ogni anno le stagioni hanno una durata leggermente diversa a causa dell'orbita terrestre.
  2. Il secondo motivo è semplicemente correlato al numero di giorni dell'anno.
    Perché la Terra possa compiere una rivoluzione completa del Sole, non ha bisogno di 365 giorni, ma esattamente 365 giorni e 6 ore circa.
    Ecco perché ci sono anni bisestili.

Era il 2007 l'ultima volta che abbiamo avuto la primavera il 21 marzo; da allora si sono alternati gli anni in cui è caduta il 19 e altri il 20 marzo.

La prossima volta che la primavera inizierà il 21 marzo, sarà nel 2102.

Lascia un commento con un tuo pensiero in merito all'articolo, sarà molto gradito.

Visita la nostra Home, troverai altri consigli utili, tante ricette e curiosità.
Seguici anche su Telegram, Instagram, Pinterest e Facebook, grazie.

Ti aspettiamo!

Commenti sull'articolo
Lascia il tuo commento

Iscriviti alla newsletter

Seguici su Telegram: