Pasta alla Norma - ricetta e storia

La pasta alla Norma è una delle ricette più conosciute della Sicilia, una vera e propria sinfonia per il palato, da gustare a casa seguendo esattamente gli ingredienti della ricetta classica. Tra storia e origine del nome, ecco i consigli per una pasta alla Norma eccellente

pasta alla norma ricetta storia piatto pronto melanzana basilico ricotta salata
Una delle ricette più conosciute della Sicilia, che, assieme ad altri piatti tipici della bella regione, è entrata prima nelle pagine dei libri del grande Andrea Camilleri e poi valorizzati sul teleschermo dal bravissimo Luca Zingaretti nei panni del Commissario Montalbano.
Ebbene sì, adoro il Commissario Montalbano, protagonista dei libri di Camilleri, passione la mia nata anche per la bravura del protagonista della serie televisiva, Luca Zingaretti, per me molto affascinante; mi piace soprattutto quando pranza da solo e non vuole essere disturbato mentre assapora le prelibatezze che gli preparano.
Puntata dopo puntata, la buona cucina siciliana delizia il nostro bravo commissario con squisiti piatti preparati dalla sua fidata "cammarera" Adelina, oppure dai cuochi dei ristoranti che ama frequentare o delle case che visita durante le sue indagini.
Da "Il ladro di merendine" di Andrea Camilleri:
Perché non resta a mangiare con me? Montalbano si sentì impallidire lo stomaco.
La signora Clementina era buona e cara, ma doveva nutrirsi a semolino e a patate bollite.
Pina, la cammarera, è un'ottima cuoca, mi creda.
Oggi ha preparato pasta alla Norma , sa, quella con le milinzane fritte e la ricotta salata -
Gesù!- Fece Montalbano assettandosi
.
Bene, prendiamo appunti per la ricetta e prepariamo anche noi questo classico piatto siciliano.

Ricetta Pasta alla Norma

Pasta alla Norma - ricetta e storia primo piatto pronto rigatoni foglie basilico sugo ricotta salata

Ingredienti per 4 persone

  • 2 Melanzane
  • 800g di pomodori pelati (se possibile freschi)
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio d'aglio
  • una decina di foglie di basilico fresco
  • olio extra vergine d'oliva q.b.
  • sale grosso q.b.
  • sale fino q.b.
  • pepe nero q.b.
  • 200g di ricotta salata stagionata
  • 400g di pasta del tipo che preferite

Preparazione

  1. Lavate, spuntate e sbucciate le melanzane (se preferite, potete lasciare la buccia); tagliatele a fette molto sottili in senso trasversale e disponetele in uno scolapasta, cospargendo, sopra i vari strati, un po' di sale grosso. Copritele con un piatto e un peso, in modo che la pressione faccia uscire il liquido amarognolo delle melanzane.
  2. Nel frattempo preparate il sugo: in una capace padella antiaderente soffriggete l'aglio e la cipolla, finemente tritati, in poco olio extravergine d'oliva; aggiungete i pomodori pelati, pepate e salate a piacere con sale fino. Completate la cottura del sugo che deve essere né troppo asciutto né troppo liquido. Dopo un'ora circa, sciacquate le fette di melanzane e asciugatele con della carta assorbente.
  3. Friggete le fettine di melanzana in una padella con abbondante olio extravergine d'oliva e, quando saranno cotte, disponetele su carta assorbente per eliminare l'olio in eccesso. Salatele leggermente.
  4. Ora è il momento di cuocere la pasta: cuocete in abbondante acqua salata la pasta nel formato che avete scelto.
  5. Mentre la pasta cuoce, tagliate le fette di melanzana fritte in strisce sottili (o a pezzetti) e aggiungetele al sugo di pomodoro (potete lasciare qualche fettina intera per il decoro).
    Aggiungete al sugo le foglie di basilico spezzettate finemente.
  6. Scolate la pasta al dente, unitela al condimento in padella e amalgamate tutti i sapori; aggiungete alla pasta la ricotta salata, decorando con fette di melanzana e foglie di basilico.
  7. Servite subito e... buon appetito!

Storia della Pasta alla Norma

Vincenzo Bellini Pasta alla Norma - ricetta e storia
La ricetta della Pasta alla Norma è di origini siciliane, di Catania per l'esattezza, e solo in questa regione è possibile assaporare questa vera e propria sinfonia per il palato.
Sembra che a imporre il nome alla ricetta sia stato Nino Martoglio, commediografo catanese, fra la fine dell'800 e i primi del '900. Davanti ad un piatto di pasta condito con sugo di pomodoro, melanzane fritte, ricotta salata e basilico fresco, Martoglio esclamò: "Chista è na vera Norma" (questa è una vera Norma) paragonandone la bontà al capolavoro di Vincenzo Bellini.
Diverse sono le varianti di pasta che possono essere gustate con questa ricetta: dalla pasta corta, solitamente maccheroni, ma anche penne, mezze penne e i classici spaghetti.
Spesso non è facile trovare la ricotta salata stagionata, ma è possibile completare la ricetta con grana grattugiato e, da aggiungere alla pasta ancora bollente, cubetti di mozzarella.
✫.•°*"˜˜"*°•.¸✫✫.•°*"˜˜"*°•.¸✫✫.•°*"˜˜"*°•.¸✫✫.•°*"˜˜"*°•.¸✫✫.•°*"˜˜"*°•.¸✫

Ti è piaciuta la ricetta? Hai mai mangiato la pasta alla Norma?

Scrivi nei commenti qui sotto e lascia una tua opinione, la leggeremo con piacere.
Condividilo con i tuoi amici su Facebook e Google+, oppure seguici su Pinterest.
Visita la nostra Home, grazie. Ti aspettiamo!
Il passa parola è sempre utile e un "Mi piace" o un "G+1" molto gradito! (✿◠‿^) ❤
❤❤❤ Grazie per la lettura ❤❤❤

Commenti sull'articolo
  • 06 Giu 2013

    Da buon Siciliano,(messinese)è buon gustaio di questo delizioso,è facile da preparare,lo consiglio: a...... tuttiiiiiiiiiiii!!!! buon appetito...

  • angela 06 Giu 2013

    è una bontà provare per credere

  • Wavullo 06 Giu 2013

    Tutte le volte che vado a Palermo non me la faccio scappare...è troppo buona !!!!!!!!!

  • Angelica - Cucina russa 02 Feb 2014

    Non sono siciliana, ma posso dire che è un ottimo piatto!:)

  • Franca 25 Ott 2018

    Mamma mia quanto è buona! Grazie per la ricetta, ben dettagliata e le curiosità. ;) :)

  • Giovanna Sangiorgi 25 Ott 2018

    Ciao a tutti, grazie per i commenti. Siamo felici che vi sia piaciuta! Un abbraccio (✿◠‿◠) ❤

Lascia il tuo commento

Iscriviti alla newsletter

Seguici su Telegram: