Perché si ha sempre fame

Perché ho sempre fame? Ecco finalmente la risposta alla domanda che, soprattutto noi donne, ci siamo sempre poste.

"Ho sempre fame!"

Tra le donne, ahinoi, ricorre molto spesso questa frase.
Anche molti uomini lamentano il problema e non riguarda solo gli obesi, ma un po' tutti.
In certi periodi dell'anno si ha spesso bisogno di mangiare qualcosa di buono e si ha come la sensazione di voler mangiare in continuazione.
donna golosa sovrappeso mangia due ciambelle dolci

Perché si ha la sensazione di voler mangiare in continuazione

Spesso l'aumento della fame avviene in concomitanza con l'arrivo della stagione più fredda: come se il corpo sentisse la necessità di dover contrastare il freddo assumendo più energie.
Ovviamente non si deve seguire questo istinto; ormai, grazie agli ambienti più riscaldati in cui viviamo, il corpo non ha più questo bisogno; invece ci si deve riattivare con una buona e sana dieta e magari delle belle passeggiate o la palestra.

Ecco qualche esempio di cosa provoca il desiderio di mangiare in continuazione.

Non avvertire il senso di sazietà

viso donna golosa mangia dolce con forchetta
I cibi grassi e ricchi di proteine transitano più lentamente nello stomaco e quindi il senso di sazietà non lo avvertiamo subito, ma almeno dopo mezz'ora.
Infatti, capita spesso che dopo aver mangiato un panino tipico da fast food, ricco di proteine, grassi, salse varie (li fanno apposta per farne mangiare il più possibile!), magari con un contorno di patatine fritte, si avverta il bisogno di mangiarne subito un altro.
viso donna bella golosa mangia hamburger panino farcito
Di conseguenza si avrà, dopo mezz'ora, lo stomaco gonfio e la sensazione di non digerire per tutta la giornata.
Mentre, quando mangiamo cereali, meglio se integrali, oppure legumi, ortaggi, ricchi di fibre, il senso di sazietà arriva subito.
Il senso della fame può essere alterato anche da un'alimentazione disordinata.

La dieta mediterranea

Un buon pasto, per essere equilibrato, deve avere tutti gli elementi nutritivi, come i carboidrati, fibre e proteine, pochi grassi in modo da saziarsi velocemente e rimanere sazi più a lungo.
In pratica la dieta mediterranea!
piramide alimentare dieta sana equilibrata

Fame compensatoria

La vita frenetica che lascia poco spazio alla soddisfazione di piccoli desideri, lo stress, ansia, solitudine, un lavoro frustante, la noia, problemi sentimentali sono questi alcuni dei motivi che aumentano la sensazione di fame; in circa il 90% dei casi, l'aumento della fame compensa un disagio emotivo.
Quando si ha fame compensatoria, bisogna sforzarsi di non dar retta al pensiero fisso del cibo e distogliere la mente con altro (cose positive che ci piacciono, uscire ad esempio, chiamare un'amica, prendersi cura del proprio aspetto, ecc.).

Non piacersi fisicamente

Il disagio emotivo può essere legato al proprio aspetto fisico: ci sono persone che più si vedono grasse e più mangiano per dimenticare, creando così un pericoloso circolo vizioso.
La fame è dovuta a una naturale esigenza del corpo, quella di nutrirsi, ma poi deve scomparire una volta che si sono introdotte le sostanze necessarie al proprio nutrimento.
Un processo del tutto naturale, quindi, come per tutti gli animali; ma per gli esseri umani è più complicato, soprattutto per le persone obese, perché compensano i vari disagi psicologici e malesseri con il cibo.
donna golosa mangia dolci ciambelle frigorifero frigo aperto

Aumento della fame prima del ciclo

Per le donne il discorso si complica ulteriormente (come sempre!): se l'aumento della fame è in concomitanza con il ciclo mestruale, può trattarsi di un calo di serotonina, l'ormone che regola l'umore, il senso di appetito, l'aggressività, l'ansia e il sonno.
Noi donne lo sappiamo bene, durante questo periodo aumenta il bisogno di cibo, in particolare di zuccheri (cioccolato!) come per alleviare i dolori mestruali.
Questo succede perché gli zuccheri entrano velocemente nel sangue e ci danno subito la sensazione di benessere.Non solo dolci, ma anche pizza, patatine e tutto quello che è unto e molto goloso diventano ottimi consolatori.

Sbalzi d'umore e sensi di colpa

Gli sbalzi di umore, l'irritabilità, la tristezza tipica da sindrome premestruale, spingono le donne a trovare sollievo nel cibo.
Questo sollievo è però momentaneo, perché non solo questi cibi non alleviano i sintomi tipici della fase premestruale, ma creano una serie di sensi di colpa che peggiorano ulteriormente l'umore.
donna sovrappeso abito rosso mangia tavoletta cioccolato
Alla fine ci si sente peggio di prima e con chili di troppo, che non sono quelli tipici dovuti alla ritenzione idrica premestruale (quei 2 o 3 kg), ma accumuli di grasso che rimarranno anche dopo le mestruazioni.

Per evitare tutto ciò si deve stare attente ai cambiamenti del proprio corpo nelle varie fasi del ciclo mestruale.
Nelle prime due settimane dall'ultima mestruazione, si può seguire anche una dieta più severa, perché non ci sono sbalzi di umore e non si farà fatica a frenare la fame; nei dieci giorni successivi all'ovulazione, invece, si deve seguire una dieta equilibrata, anche senza troppe rinunce.
In questo modo si arriverà in forma alla fase critica, quella della settimana premestruale e la nostra linea non risentirà troppo degli inevitabili (purtroppo!) attacchi di fame.

I disturbi del comportamento alimentare

Possono essere di lieve importanza e non avere troppe conseguenze; ma si possono anche aggravare con il passare del tempo e trasformarsi in malattie serie come la bulimia, assunzione compulsiva di cibo accompagnata da forti sensi di colpa: chi soffre di questa malattia ingurgita una quantità di cibo esorbitante per poi ricorrere a diversi metodi per riuscire a non metabolizzarlo e, quindi, ingrassare (vomito autoindotto, utilizzo di lassativi, purghe, digiuno e intenso esercizio fisico).
amichevole sorridente dottore stringe mano donna paziente
Se si avverte costantemente lo stimolo della fame, senza riuscire a capirne il motivo, è importante che ci si rivolga a dei centri specializzati che possano consigliare dei trattamenti idonei.

Hai qualche domanda sui disturbi alimentari?

Chiedi scrivendo nei commenti e farò del mio meglio per aiutarti!
Visita la nostra Home, troverai tanti altri consigli, ricette e argomenti interessanti; vieni a trovarci anche su Facebook, Telegram, Instagram e Pinterest, grazie.

Ti aspettiamo!

Il passa parola è sempre utile e un tuo "Mi piace" molto gradito! (🌺◠‿^)
❤❤❤ Grazie per la lettura ❤❤❤

Le informazioni contenute in questo blog, sono a scopo informativo, perché Think Donna non offre trattamenti medici né fa diagnosi.
Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti.
Fate attenzione sempre per eventuali allergie e nel caso, consultate prima il vostro medico di fiducia.
Commenti sull'articolo
Lascia il tuo commento

Iscriviti alla newsletter

Seguici su Telegram: